Arcisodalizio della Curia Romana: incontro su parafilie e perversioni tecnico-mediatiche

arcisodalizio

Volge al termine il ricco ed elaborato programma culturale dell’Arcisodalizio della Curia Romana.

In questo mese di maggio, si svolgerà l’ultima delle otto riunioni organizzate per l’Anno Pastorale 2020/2021, intitolato La sessualità nella riflessione teologica, nella prospettiva medica e nella dimensione giuridica.

Di grande rilievo e attualità le questioni trattate negli incontri precedenti: all’inizio “transgender e transessualismo”, poi “la pedofilia” e “i reati sessuali”; inoltre, “la sessualità nella prospettiva biblica”, “i disturbi del comportamento alimentare e sessualità; infine, “l’ipersessualità e la sex addiction” e le malattie sessualmente trasmissibili”.

Il tema dell’ultimo incontro sarà Le parafilie e le perversioni tecnico-mediatiche, organizzato in collaborazione con l’Associazione Canonistica Italiana.

decano, nomina, rota, rota romana, papa, curia, presidente, corte d'appello

Interverranno in proposito: il Prof. Cristiano Barbieri, dell’Università degli Studi di Pavia; il Prof. Tonino Cantelmi, della Pontificia Università Gregoriana; e S. Ecc. Mons. Alejandro Arellano Cedillo, Decano della Rota Romana e da poco nominato anche Presidente della Corte d’Appello dello SCV, il quale presenterà la sua relazione giuridica, oltre a presiedere l’evento stesso.

Sebbene previsto per il prossimo 13 maggio alle ore 09:30, l’incontro è stato posticipato al 21 maggio alle ore 10:00, per consentire anche la partecipazione in presenza.

L’evento si terrà nei consueti locali della Cancelleria, ai quali potrà accedere un massimo di 90 persone.

E’ necessaria dunque la prenotazione entro il 13 maggio tramite mail all’indirizzo infoarcisodalizio@gmail.com, specificando nell’iscrizione se si desidera seguire l’evento in presenza o in modalità webinar.

Maggiori dettagli sul sito www.arcisodalizio.it

evento, cultura, diritto canonico, curia romana, canonisti, teologia, medicina, roma

 

 

“Cum caritate animato et iustitia ordinato, ius vivit”

(San Giovanni Paolo II)

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessia Guarrera

Alessia Guarrera

Lascia un commento

Iscriviti alla Newsletter